sun, a cold, and mister

P1330011

I have been tinkering with the idea of this blog for years. I always thought the first post was going to be about pasta. The lifestyle, joy, and ritual of making it by hand. My experiences sitting at the knees of my master azdora, my mother-in-law Maria. And how la sfoglia making has transformed how I look at the world we live in. ::: ::: ::: Ho armeggiata con l’idea di questo blog per anni. Ho sempre pensato che il primo post sarebbe stato su pasta. Lo stile di vita, gioia, e il rituale di farlo a mano. Le mie esperienze seduta sulle ginocchia del mio padrone azdora, mia madrein-law Maria. E come la realizzazione della sfoglia ha trasformato come guardo il mondo in cui viviamo.

pasta 101

Then yesterday, when I woke up, not in Brussels, and not sitting as I had for the prior week at the table with my god family, I thought I would begin this journey talking about breakfast and longing. How, for me, the art and ritual of breakfast and the foods I associate with it are like an umbilical cord between my past and present; between family and friends who live scattered across continents and oceans; between who I am today, and who I may become tomorrow. ::: ::: ::: Poi ieri, quando mi sono svegliata, non a Bruxelles, e non come per la settimana precedente, seduta a tavola con la mia famiglia spirituale, ho pensato di cominciare questo viaggio a parlare di colazione e nostalgia. Come, per me, l’arte e il rito della prima colazione e cibi associo con lui sono come un cordone ombelicale tra il mio passato e presente; tra famiglia e amici che vivono sparsi per i continenti e gli oceani.; tra quello che sono oggi, e che io possa diventare domani.

P1320119

P1320125

P1320782

P1320855

Today I am still sick as a dog, (thank you rainy wintery Belgium!). But reality has set in that despite my clogged, sniffling, sneezing, sore throat, coughing, shivering, delirious state, on this, the first day of full blue sky sun in days,  I can no longer wait to start this journey, and that it makes no sense to talk about anything else but getting better. ::: ::: ::: Oggi sono ancora malata come un cane, (grazie invernale piovoso Belgio!). Ma la realtà ha mostrato che nonostante la mia intasato, tirando su col naso, starnuti, mal di gola, tosse, brividi, stato di delirio, in questo, il primo giorno di cielo azzurro pieno di sole in giorni, non posso più aspettare per iniziare questo viaggio, e che non ha senso parlare di qualsiasi altra cosa, che guarirsi.

P1320991

It would be nice to not have to blow my nose every 5 minutes, but to me getting better means getting through to the other side of the sense of delirium and body weakness. Getting the sinuses and the mind cleared. Having enough energy to complete an activity from start to finish. So besides drinking lots of water, resting when the body commands, fresh air, and fresh squeezed orange juice, this “mister” is what I pull out of my medicine kitchen. ::: ::: ::: Sarebbe bello non dover soffiare il naso ogni 5 minuti, ma per me migliorare vuol dire arrivare attraverso all’altro lato del senso di delirio e di debolezza del corpo. Ottenere i sinusite e la mente liberate. Avere energia sufficiente per completare un’attività dall’inizio alla fine. Quindi, oltre a bere molta acqua, riposando quando i comandi di corpo, l’aria fresca e spremuta d’arancia fresca, questo “mister” è quello che io tiro fuori dalla mia cucina medicina.P1330003

Way back in my early San Francisco days, when I was a performing artist working with Rhodessa Jones’s Medea Project: Theater with Incarcerated Women, one our fellow collaborators, came into rehearsal with a cold and a tall water bottle full of cloudy water she called her “mister”.  I don’t understand why she called it that, but I tried it the next time I had the sniffles and became a convert. If anyone knows about this term or remembers that beautiful artist, let me know. ::: ::: ::: Tanto tempo fa, nei mie tempi di San Francisco, quando lavoravo come performing artist con La Meadea Project: Teatro con donne incarcerate di Rhodessa Jones, uno dei nostri collaboratori, arrivava alla prova con un raffredore e un grande bottiglia di acqua torbida che lei chiamava “mister”. I non capisco perchè si chiamava cosi, ma la provavo la prossima volta che avvevo lo sgocciolamento del naso e diventò una convertita. Se qualcuno sa perche il nome o ricorda il nome di quella bella artista, fammi sapere.

 

COLD MISTER

You can drink it hot, warm or cold. Best consumed day of. ::: ::: ::: Puoi berelo caldo, tiepido o freddo. Meglio consumato il giorno stesso.

 

a whole fresh lemon ::: ::: ::: un limone fresco intero

a thumb of fresh ginger ::: ::: ::: un police di zenzero fresco

5 teeth of raw garlic ::: ::: ::: 5 denti di aglio

1 dried hot pepper ::: ::: ::: 1 pepperoncino secco

local honey to taste ::: ::: ::: miele locale a gusto

four mugs full of water ::: ::: ::: 4 tazze di acqua

 1. Put a small pot of water that has a cover up to boil. ::: ::: ::: Mette sul fuoco una pentolina che a copperchio.

2. Squeeze in lemon juice. ::: ::: ::: Spremere dentro il succo del limone.

3. Peel and grate in the ginger. ::: ::: ::: Pela e grata dentro il zenzero.

4. Peel, thinly slice, and add the garlic. ::: ::: ::: Pela e affettare sottilemente l’aglio.

5. Chop and add the hot pepper. ::: ::: ::: Tritta e aggiunge il pepperoncino.

6. Bring to a roaring boil and then cover, turn off, and let sit until cool enough to drink. ::: ::: ::: Portare a ebollizione vivace, poi coprire, spegnere, e fare raffredare fino a pronto per bere.

7. Strain into mug. Add honey. ::: ::: :::  Filtrare in una tazza di tè. Aggiungere miele.

8. Return greebies in the strainer to the pot to use as base for a second go round. ::: ::: ::: Ritornare i greebies nel colino alla pentolina per utilizzo come base per un secondo giro.

9. Get well soon! ::: ::: ::: Guarire presto!

 

 

 

Advertisements